Caffè con fungo? Sì, grazie…

Funghi nella sacra tazzina. Ebbene sì, è questa l’ultima tendenza salutista che sta incorporando uno dei capisaldi della medicina tradizionale cinese nelle nostre abitudini: l’utilizzo di particolari specie di funghi utilizzati per le loro proprietà officinali. Anche miscelandoli al caffè o al thè, con cui si sposano ottimamente a causa del loro gusto amarognolo.

ganoderma_fungo700

Usati con specifiche modalità, specifici funghi apporterebbero grandi benefici alla salute. La parola magica è “Ganoderma”, o “Reishi”: è lui il fungo che, se assunto  sotto forma di polvere, rinforzerebbe con grande efficacia le difese immunitarie umane. In natura si nutre di legno, che lo rende ricco di tannini, e lo si può trovare attaccato ai tronchi degli alberi in decomposizione, la cui presenza è evidenziata da un largo “cappello” , marrone o rosso, lucido e piatto, largo anche 15 centimetri.

Molti sostengono che le qualità del fungo Ganoderma lucidum nel proteggere l’organismo umano sarebbero così potenti da riuscire a contrastare persino alcuni tipi di tumore. In Occidente, ormai da alcuni anni, i funghi hanno attirato l’interesse e sono attualmente oggetto di studi scientifici per accertarne le diverse proprietà.

Nella lista degli integratori alimentari approvata dal Ministero della Salute, aggiornato al 27 aprile 2018, sono presenti molti prodotti a base di Ganoderma. In ogni caso, prima di assumere integratori alimentari di qualsiasi genere, è sempre buona norma consultare il proprio medico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...